LAMEMORIA

Maniago è conosciuta in tutto il mondo come Città delle Coltellerie: da secoli qui, per una serie di condizioni storiche, geografiche e sociali, moltissimi dei suoi abitanti si sono dedicati alla produzione di lame.

Si tratta ancora oggi di un’importante realtà economica: nel solo Comune di Maniago operano oltre 80 aziende del settore. In un recente passato, tuttavia, quasi in ogni casa e cortile della città erano presenti laboratori, officine di diverse dimensioni o semplici ambienti domestici attrezzati per alcune lavorazioni. Al loro interno si sono intrecciati rapporti economici e commerciali e si sono evolute storie familiari.

Nel contesto di un piccolo centro dove quasi tutti facevano lo stesso lavoro, i rapporti personali e sociali erano spesso influenzati dalla concorrenza tra gli artigiani del settore; ciò ha a lungo impedito l’elaborazione di un racconto collettivo, condiviso, comunitario.

Nel 2016 ha preso il via LAMEmoria, processo partecipativo che chiede ai maniaghesi di entrare nello spazio del museo per farsi protagonisti della narrazione del patrimonio.

In una prima fase i cittadini si sono trovati attorno a grandi mappe catastali, con la richiesta di collocarvi vecchi e nuovi stabilimenti produttivi. Quelle mappe sono state però la chiave di volta per attivare e condividere racconti, memorie e ricordi di abitudini, persone, luoghi, eventi. Durante gli incontri sono state individuate 494 diverse botteghe per le quali è stato raccolto il maggior numero di informazioni possibili. Alla mappatura sono seguite passeggiate patrimoniali, una serata-evento, nuovi tavoli partecipati, la sistematizzazione dei dati raccolti e un progetto di alternanza scuola-lavoro con gli studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore “E. Torricelli” di Maniago.

Il progetto sta proseguendo con una mostra, pensata come restituzione alla comunità dei materiali fino ad ora raccolti.

La sua apertura era originariamente programmata da gennaio ad agosto 2020 – ed è attualmente in attesa di definizione – a causa dell’emergenza sanitaria in corso.
Il visitatore sarà chiamato a divenire parte sia della progettazione sia dell’allestimento, con i quali si porrà in ascolto e in dialogo in un lavoro di scrittura creativa, corale, aperta e partecipata.

La mostra quindi, al momento della sua chiusura, sarà ben diversa da come appariva al momento dell’inaugurazione. Questo obiettivo verrà perseguito a partire dalla riattivazione dei tavoli di mappatura, momenti di incontro collettivi tematici considerati come parte costitutiva dello stesso percorso allestitivo.

Attività

Anno 2016

20 febbraio 2016, ore 11.00, canonica di Campagna.
Incontro di mappatura nella frazione Campagna.

20 febbraio 2016, ore 16.00. MAFC.
Incontro di mappatura delle aree Maniago Centro e Sud Ferrovia.

5 marzo 2016, ore 11.00, Biblioteca Civica.
Incontro di mappatura dell’area Colvera.

5 marzo 2016, ore 16.00, Centro Comunitario di Fratta.
Incontro di mappatura della frazione Fratta.

19 marzo 2016, ore 11.00, Ex Latteria di Maniagolibero.
Incontro di mappatura della frazione Maniagolibero.

19 marzo 2016, ore 16.00, MAFC.
Incontro di mappatura dell’area Maniago di Mezzo.

7 maggio 2016, ore 15.30, MAFC.
Prima passeggiata patrimoniale de LAMEmoria aperta al pubblico nell’area centrale della città con il gruppo degli informatori e lo staff del MAFC.

23 luglio 2016, MAFC.
In occasione della manifestazione “Coltello in Festa 2016” è stato organizzato un incontro pubblico di restituzione dei risultati dell’attività di mappatura.

Anno 2017

20 febbraio 2016, ore 11.00, canonica di Campagna.
Incontro di mappatura nella frazione Campagna.

20 febbraio 2016, ore 16.00. MAFC.
Incontro di mappatura delle aree Maniago Centro e Sud Ferrovia.

5 marzo 2016, ore 11.00, Biblioteca Civica.
Incontro di mappatura dell’area Colvera.

5 marzo 2016, ore 16.00, Centro Comunitario di Fratta.
Incontro di mappatura della frazione Fratta.

19 marzo 2016, ore 11.00, Ex Latteria di Maniagolibero.
Incontro di mappatura della frazione Maniagolibero.

19 marzo 2016, ore 16.00, MAFC.
Incontro di mappatura dell’area Maniago di Mezzo.

7 maggio 2016, ore 15.30, MAFC.
Prima passeggiata patrimoniale de LAMEmoria aperta al pubblico nell’area centrale della città con il gruppo degli informatori e lo staff del MAFC.

23 luglio 2016, MAFC.
In occasione della manifestazione “Coltello in Festa 2016” è stato organizzato un incontro pubblico di restituzione dei risultati dell’attività di mappatura.

Anno 2018

3 aprile, Università degli Studi di Perugia.
Tesi di Dottorato di Ricerca in Scienze Umane – curriculum antropologico-linguistico – dal titolo “Memorie, comunità e patrimoni nell’Ecomuseo Lis Aganis (Friuli Venezia Giulia)” della dott.ssa Marta Pascolini. Lo sviluppo del progetto LAMEmoria è raccontato, descritto e analizzato all’interno del capitolo “Costruire il patrimonio: esperienze di narrazione a confronto”.

21 aprile, MAFC.
“Si Ricomincia!”: incontro aperto al pubblico rivolto in particolare alle aziende del settore e agli informatori de LAMEmoria. Attraverso la riattivazione del tavolo partecipato, si è discusso delle possibili linee di sviluppo del progetto stesso, delle aspettative dei testimoni e dei nuclei tematici da approfondire.

Anno 2019

febbraio – ottobre, MAFC.
Stesura del progetto scientifico definitivo della mostra LAMEmoria.

27 maggio, MAFC.
Istituzione dell’Associazione Amici del Museo dell’Arte Fabbrile e delle Coltellerie, all’interno della quale è attivo il gruppo informatori de LAMEmoria.

4 giugno, Istituto di analisi culturale (IfK) dell’Alpen-Adria-Universität Klagenfurt.
La prof.ssa Roberta Altin, direttrice scientifica del MAFC, presenta “The museum of blacksmith’s art and cutlery (Maniago): ecomuseum and heritage in an industrial district of Friuli”.

19 luglio, Cinema Manzoni.
Incontro aperto al pubblico “Raccontiamoci: storie maniaghesi di officine, battiferri, fabbri e lame”. Accompagnati dall’attore Claudio Moretti, alcuni testimoni- informatori de LAMEmoria hanno condiviso le proprie storie professionali con il pubblico (sono intervenute oltre 200 persone), che è stato a sua volta stimolato a partecipare attivamente, condividendo il proprio personale racconto.

3 settembre. Kyoto, Giappone.
La prof.ssa Roberta Altin ha preso parte alla XXV conferenza generale dell’International Council of Museums di Kyoto, intitolata: “I musei come hub culturali: il futuro della tradizione”. Nell’intervento “’Learning by cutting’: the Museum of Blacksmith’s Art and Cutlery as a hub of tradition to the future” ha presentato il MAFC come caso di studio, con particolare riferimento al coinvolgimento della comunità locale nel progetto LAMEmoria.

18 settembre, MAFC.
È stato convocato per la prima volta il tavolo delle informatrici de LAMEmoria, un gruppo di artigiane e operaie coinvolte per sviluppare il tema legato alla presenza femminile all’interno delle vecchie e attuali aziende. Dai loro racconti è stato prodotto un breve testo teatrale, utilizzato durante l’evento al punto seguente.

29 settembre, Maniago.
“Passiparole… sul filo de LAMEmoria”: Claudio Moretti ha accompagnato oltre 60 persone in un percorso urbano, tra Maniago e Maniagolibero, alla scoperta di officine storiche e attive. Il percorso prevedeva 5 tappe che approfondivano altrettanti temi centrali per lo sviluppo della futura mostra: luoghi di aggregazione, presenza femminile, soprannomi degli artigiani, paesaggio sonoro e trasformazione urbana.

4 e 5 ottobre, Ho Chi Minh City, Vietnam.
Con l’intervento “’Cutting-edge’ Memory: Museums and Public Engagement”, la prof.ssa Roberta Altin ha presentato il MAFC e il progetto LAMEmoria in occasione del congresso internazionale “Innovations in the Social Sciences and Humanities – heritage, ethno-anthropological museums and public engagement”.

Menu